Lo Stocco di Cittanova, prodotto dalla Stocco&Stocco di Francesco D’Agostino, ha incontrato l’arte culinaria di Salvatore Murano (Max) a Cirò Marina. Dal Tirreno reggino all’Alto Jonio crotonese: un confronto entusiasmante fra culture, radici identitarie, tradizioni, sensazioni uniche. Attorno allo Stocco, interpretato in modo magistrale dal cuoco (ci piace chiamarli così, e non chef!) Salvatore Murano nella sua ampia, funzionale, ricca e ben organizzata trattoria, anche la ’Nduja di Spilinga da filiera corta espressione delle fatiche del giovane imprenditore agricolo Michele Dotro (maiali allevati in proprio, impasto realizzato con prevalenza di guanciale, utilizzo del Peperoncino Tri Pizzi del Monte Poro che connota in maniera straordinaria una vera ’nduja di tradizione). Un salto nel Vibonese, quindi, e poi un rapido ritorno nel Cirotano con i vini della Tenuta Iuzzolini. Coinvolti anche piccoli produttori locali di ortaggi, di ricotta di capra, di farine, di pasta… Una serata importante e significativa, organizzata da “Io Scelgo Calabria”, che ha lanciato messaggi forti, in linea con tutta una potente azione di comunicazione integrata che sta lasciando il segno, che mira a “rivoluzionare il modo di essere e di sentirsi Calabresi”, che lotta contro ogni forma di neofeudalesimo e di neocolonialismo, che vuole costruire un florido mercato interno, che reagisce contro la colonizzazione forzata di una terra antichissima, che mira a salvaguardare al massimo le identità culturali e ogni aspetto delle “profonde radici” che significhi distintività, unicità, autenticità, costruzione di assetti economico-sociali non delocalizzabili.

“Io Scelgo Calabria” seleziona gli ospiti con cura, invitando i rappresentanti politici coinvolti a guardare lontano, a superare tutte le aride contese di un certo provincialismo da dimenticare, di aggregarsi, anche al di là delle diverse appartenenze ideologiche, per il bene della Calabria, fissando battaglie decisive e strategiche. “La Calabria – ha osservato Massimo Tigani Sava che ha introdotto l’incontro – deve smetterla di subire, di piegarsi, di aspettare che le soluzioni vengano da fuori o dall’alto. La Calabria deve riacquistare tutto il proprio orgoglio, figlio di un patrimonio che nessuno può negare: siamo la regione più antica dell’Occidente che ha offerto un contributo indelebile alla storia dell’umanità con i suoi grandi uomini. Riappropriamoci del ruolo che ci compete, nobilitando il livello dello scontro, recuperando il valore della meritocrazia, unendo le energie migliori”.  Tra gli ospiti della serata il grande orafo crotonese Michele Affidato, reduce dalla storica realizzazione degli ori della Madonna di Częstochowa, in Polonia, il cui celeberrimo Santuario è oggi gemellato con quello di Capocolonna. Francesco D’Agostino, consigliere regionale, ma soprattutto costruttore di una realtà aziendale vincente a Cittanova, la Stocco&Stocco: un lavoro trentennale duro e appassionato per metter su un sito produttivo e commerciale che ha recuperato appieno un’avvincente tradizione gastronomica che lega la Calabria alla Norvegia. Patrizio Cuppari, giovane avvocato di Ricadi, realtà di cui è vice sindaco e assessore al Turismo. “Io Scelgo Calabria” guarda con estrema attenzione ad un rapporto sempre più intelligente, razionale, vero e pratico, al di là delle vuote enunciazioni, tra agroalimentare, enogastronomia e offerta turistica. Ricadi, con Capo Vaticano, è una delle località simbolo del turismo meridionale, e quindi la presenza dell’assessore al ramo ha offerto utili elementi di riflessione.

I princìpi ispiratori di “Io Scelgo Calabria” sono stati declinati da Massimo Tigani Sava (giornalista e scrittore, direttore editoriale di VideoCalabria e direttore di Local Genius) e da Salvatore Gaetano (Ceo di VideoCalabria e di Mgls Srl, la società che gestisce i progetti di comunicazione integrata “Io Scelgo Calabria” e “Magna Grecia Lifestyle” e che coordina un potente network mediatico). Questo l’ottimo menu proposto da Max: Antipasto (Stocco, olive, noci, erbe amare e olio Evo); Stocco, peperoni di cima, cipolla dolce e olio Evo. Primo: Maccheroni calabresi, Stocco, caciocavallo, broccoli, olio Evo con peperoncini cruschi sbriciolati, ’Nduja. Secondo: Stocco a “Ghjotta” alla maniera di Max con pane raffermo casereccio. Dolce: Dolce di ricotta alla Max. In un generale e apprezzato lavoro di arte culinaria che ha visto Max confrontarsi con lo Stocco (nel Cirotano è assolutamente prevalente la tradizione del baccalà), la ricetta dello “Stocco, peperoni di cima, cipolla dolce e olio Evo” è stata tra le più applaudite. Finale, suggerito da Francesco D’Agostino, con degustazione di cubetti di stocco a crudo, conditi con olio Evo, arricchito dal tocco magico di Max che ha aggiunto un po’ di sardella. Ecco quindi lo spirito di “Io Scelgo Calabria”: intelligenze, professionalità, esperienze che, al di là di ogni legittima provenienza, si incontrano, comunicano, costruiscono possibili percorsi comuni e sinergie, dialogano, raccontano. “Io Scelgo Calabria – hanno detto Massimo Tigani Sava e Salvatore Gaetano – è la Lega dei Calabresi che lavorano sodo! Proprio così, invitando tutti i Calabresi di buon senso ad abbandonare in via definitiva le strade finora percorse e che hanno dato tutte, si sottolinea tutte, esiti negativi”. Salvatore Gaetano, coadiuvato dagli ospiti presenti, ha consegnato i riconoscimenti realizzati a cura di Michele Affidato. La serata ha potuto godere di un pregevole accompagnamento musicale proposto da Calabriasona, progetto guidato da Giuseppe Marasco. Per raccontare la nuova tappa di “Io Scelgo Calabria”, anche con una forte presenza sui social network (Facebook e Twitter, era presente la giornalista Antonella Iacobino. Nei prossimi giorni speciali tv su VideoCalabria, prima tv calabrese per ascolti Auditel certificati anno 2017. Articoli di approfondimento su TgCal24 e su Local Genius, Giornale delle Identità Territoriali. Per approfondire la missione di “Io Scelgo Calabria” si può consultare il sito ufficiale: www.ioscelgocalabria.it. Io Scelgo Calabria: una Rivoluzione Copernicana nel modo di essere e di sentirsi Calabresi!

Articolo tratto da: Local Genius, Giornale delle Identità Territoriali

Immagine pubblicata:
Francesco D’Agostino, titolare della Stocco&Stocco di Cittanova, riceve il riconoscimento di Io Scelgo Calabria dalle mani del maestro orafo crotonese Michele Affidato. Sullo sfondo il cuoco Salvatore Murano (Max)

Cos’è “Io Scelgo Calabria”? Bastano due parole. È La Lega dei Calabresi che lavorano sodo! Perché la Calabria non è fatta solo di mafiosi, di criminali, di politicanti da strapazzo magari anche collusi e coinvolti in gravi inchieste giudiziarie, di parassiti sempre in cerca di mendicare pagnotte immeritate, di speculatori senza scrupoli  (la mafia bianca) che hanno compiuto disastri epocali ai danni del paesaggio, dell’ambiente, delle casse pubbliche. “Io Scelgo Calabria” è uno spazio condiviso di valori, princìpi, ideali, programmi veri, proposte concrete tra gente che lavora: dal contadino al muratore, dal professionista iper-specializzato all’imprenditore serio, dal commerciante al docente, dal disoccupato che non si arrende al giovane che non molla e non si deprime. La Calabria di quelli che, appunto, lavorano sodo, pur non vivendo in “Padania” o nel Nord Europa. E quando in Calabria si lavora con estremo impegno, i prezzi da pagare sono più alti che altrove, causa insufficienze e ritardi della macchina pubblica, o per la presenza di un mercato asfittico, o magari per le distanze enormi dalle aree più pulsanti del Paese. Costa tutto di più, ed ogni passetto anche piccolo piccolo richiede sacrifici enormi, passione oltre ogni limite, capacità sovrumana di credere in ciò che si fa.

Ecco perché “Io Scelgo Calabria” sta raccogliendo tante adesioni, perché è matura la condizione economico-sociale, e se vogliamo anche culturale, per consolidare processi positivi di partecipazione consapevole e attiva. No al Neofeudalesimo (che trasforma i diritti della gente in concessioni,  elargizioni e clientele, barattando voti che alimentano il carrozzone delle sanguisughe), No al Neocolonialismo dei presunti Salvatori della Patria che invece sono gli ennesimi Conquistatori cinici e spregiudicati, che non si fermano neanche di fronte ad evidentissime criticità e negatività. Il futuro dei Calabresi è nelle mani dei Calabresi!

Ecco quindi che, fatte queste premesse, si comprenderà fino in fondo l’azione di sviluppo che “Io Scelgo Calabria” sta realizzando facendo sintesi fra protagonisti della ristorazione e aziende agroalimentari del territorio. Numerose le tappe già effettuate, con grande copertura mediatica. La prossima avrà come sede la rinomata Trattoria Max, in cui cucina da anni l’abile cuoco Salvatore Murano. Salvatore Murano, in arte Max, ha saputo, nel tempo, costruire un proprio originale percorso gastronomico rispettoso della tradizione e delle radici culturali di un’area che profuma di storia qual è, appunto, il Cirotano. La serata, come al solito con ospiti significativi, avrà quale filo conduttore il Baccalà e lo Stocco forniti dalla Stocco&Stocco di Cittanova (Rc). E poi la ’Nduja da filiera corta di Michele Dotro di Spilinga (Vv), realizzata a base di Peperoncino Tri Pizzi del Monte Poro, l’olio extravergine di oliva, le olive, la pasta, i vini di Tenuta Iuzzolini di Cirò Marina, l’acqua minerale… tutto rigorosamente Made in Calabria. La costruzione di un Mercato Interno Forte è uno degli obiettivi strategici di “Io Scelgo Calabria”. Un Mercato Forte, considerata la perdurante difficoltà di sfondare sui mercati internazionali (l’export, nonostante alcuni segnali positivi, rappresenta ancora una porzione piccolissima dell’economia regionale), nonché la dimensione della stragrande maggioranza delle aziende agroalimentari ed artigianali di Calabria, spesso piccolissime e a conduzione familiare. I princìpi ispiratori di “Io Scelgo Calabria” verranno declinati da Massimo Tigani Sava (giornalista e scrittore, direttore editoriale di VideoCalabria e direttore di Local Genius) e da Salvatore Gaetano (Ceo di VideoCalabria e di Mgls Srl, la società che gestisce i progetti di comunicazione integrata “Io Scelgo Calabria” e “Magna Grecia Lifestyle”, e che coordina un potente network mediatico).

Ecco il menu proposto da Max: Antipasto (Stocco, olive, noci, erbe amare e olio Evo); Stocco, peperoni di cima, cipolla dolce e olio Evo. Primo: Maccheroni calabresi, Stocco, caciocavallo, broccoli, olio Evo con peperoncini cruschi sbriciolati, ‘Nduja. Secondo: Stocco a “Ghjotta” alla maniera di Max con pane raffermo casereccio. Dolce: Dolce di ricotta alla Max. Per prenotazioni: Trattoria Max, Cirò Marina (Kr), tel. 0962.373009; www.trattoriamax.it

Riconoscimenti realizzati a cura del grande orafo crotonese, Michele Affidato. La serata godrà, come sempre, di un accompagnamento musicale proposto da Calabriasona, progetto guidato da Giuseppe Marasco. Per raccontare la nuova tappa di “Io Scelgo Calabria”, anche con una forte presenza sui social network (Facebook e Twitter) la giornalista Antonella Iacobino. Per approfondire la missione di “Io Scelgo Calabria” si può consultare il sito ufficiale: www.ioscelgocalabria.it. Io Scelgo Calabria è una Rivoluzione Copernicana nel modo di essere e di sentirsi Calabresi!